OkMap forum
OkMap forum
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
 All Forums
 Forum OkMap - Italiano
 Uso del software
 GeoReferenziazione Mappe Catastali

Note: You must be registered in order to post a reply.
To register, click here. Registration is FREE!

Screensize:
UserName:
Password:
Format Mode:
Format: BoldItalicizedUnderlineStrikethrough Align LeftCenteredAlign Right Horizontal Rule Insert HyperlinkInsert EmailInsert Image Insert CodeInsert QuoteInsert List
   
Message:

* HTML is OFF
* Forum Code is ON
Smilies
Smile [:)] Big Smile [:D] Cool [8D] Blush [:I]
Tongue [:P] Evil [):] Wink [;)] Clown [:o)]
Black Eye [B)] Eight Ball [8] Frown [:(] Shy [8)]
Shocked [:0] Angry [:(!] Dead [xx(] Sleepy [|)]
Kisses [:X] Approve [^] Disapprove [V] Question [?]

   Insert image on imageshack.us
 Insert small zipped file as attachment (< 500 Kb)
 
Check here to subscribe to this topic.
   

T O P I C    R E V I E W
Basilischio Posted - 03/04/2012 : 10:13:47
Come georeferenziare le mappe catastali



Spero di far cosa gradita a chi, come me, si è trovato ad ereditare dei terreni, soprattutto boschi, di cui non conosce nemmeno l'ubicazione approssimativa.

Senza ricorrere al geometra e con l'aiuto di vecchie mappe cartacee ho cercato di individuare le proprietà, ma con scarsi risultati, così ho pensato di utilizzare il mio Garmin GpsMap 62s.

In un primo momento, dopo aver scannerizzato le mappe cartacee, le sovrapponevo a Google Earth e utlizzando punti di riferimento certi ottenevo discreti risultati,ma le difficoltà sono arrivate quando la mappa ricopriva una vasta area boschiva senza punti di riferimento.

Conoscevo già OkMap che utilizzavo solo per referenziare mappe escursionistiche cartacee, quindi ho tentato di referenziare le mappe catastali ma con risultati più che deludenti per via del sistema di cordinate utilizzato; il Cassini-Soldner.

A quel punto ho iniziato una ricerca sul WEB per venirne a capo. Ho consultato decine di pagine fino a "scegliere" questa http://map3d.blogspot.it/2009/03/mappe-catastali-e-cassini-soldner.html.

Vista la mia ignoranza in materia di coordinate, datum, proiezioni e compagnia bella, mi sono rivolto a Gian Paolo che con la con la sua disponibilità, pazienza e OKMap è riuscito a farmi referenziare le mappe catastali.

Prima di addentrarmi nella dettaglio della referenziazione sono necessari alcuni cenni sul sistema catastale Italiano.
Per chi volesse approfondire:
http://geomatica.como.polimi.it/corsi/catasto/
http://www.geografia-applicata.it/wordpress/didattic/topografia-e-cartografia
La proprietà è identificata da una Particella catastale alla quale è assegnato un numero.

Particella catastale




La Particella, assieme ad altre, fa parte di un Foglio che riporta in calce i seguenti dati:
- il numero del Foglio
- il Comune di cui fa parte il territorio "ricoperto" dal Foglio.
- la scala, solitamente 1:2000 o 1:1000 per i centri urbani o dove le Particelle sono molto piccole.
- La dimensione della cornice del Foglio espressa in metri
In un solo angolo sono riportate le coordinate in Cassini-Soldner (Es. N=75100 E=-49700 , notare il segno meno della coordinata Est). Ovviamente sulla cornice ci sono i riferimenti del reticolo che è di 100 metri.

Foglio catastale - sono stati rimossi alcuni dati sensibili





Particolare dell'angolo con le coordinate e righe per determinare il "crocicchio" (vedi dopo)





E' da tenere ben presente che Il sistema Catastale Italiano non a un solo punto di origine ma ben 32.
Il Foglio Catastale qui sopra fa parte del sistema catastale che ha origine a Siena-Torre del Mangia, pertanto sarà utilizzato per i successivi esempi. Qui http://www.geografia-applicata.it/wordpress/wp-content/uploads/2011/04/03_Proiezioni_Cartografiche.pdf troverete l'elenco delle origini dei sistemi catastali Italiani e le loro coordinate.

Aggioramento 18/02/2020
Sito WEB con elenco punti origini coordinate o centro emanazione, con mappa per individuare l'area che copre ogni punto e relative coordinare.
https://www.globogis.it/le-origini-delle-coordinate-cassini-soldner

CartLab non funziona su alcuni Sistemi Operativi, quindi è possibile utilizzare una conversione online qui
https://www.borneo.name/topo/topo.html

Le coordinate del punto origene va convertita in Gauss che vanno inserito nel campo centro origine per convertire da Cassini a Gauss
Fine aggiornamento

I fogli catastali sono reperibili gratuitamente presso l'Agenzia del Territorio http://www.agenziaterritorio.it/index.php?id=6008 in formato cartaceo A3, ovviamente in questo formato la scala non è congrua, ed in formato vettoriale di cui non ricordo il formato, al prezzo di €40 a foglio. (Ricordo che prezzi e forniture possono subire variazioni).

Visti i costi "proibitivi" dei fogli in formato vettoriale, me ne servivano 12, ho optato per il formato in A3, giusto per fare delle prove e testare i vari passaggi per la calibrazione, nonche la corrispondenza delle mappe con il territorio.

Una volta in possesso dei Fogli Catastali provvedere a fare delle scansioni di ottima qualità, risoluzione 300 dpi, presso una copisteria, in formato tiff.

Con Paint tracciare delle righe, partendo dai riferimenti delle cordinate presenti sul bordo del foglio, in modo da ottenere 4 incroci (crocicchi), ai quali, facendo molta attenzione vanno assegnate le relative coordinate in Cassini-Soldner, con riferimento a quelle indicate nell'angolo del foglio.

Le coordinate Cassini_Soldner vanno convertite per poterle utilizzare in OkMap utilizzando il software gratuito Cartlab che potete scaricare qui http://www.borneo.name/down/CartLab122.zip
Questo programma consente la conversione da Cassini-Soldner a Gausss-Boaga necessarie per calibrare le mappe. Permette anche conversioni da Gauss-Boaga a ROMA40 (da piane a geografiche) ed altre.

Eseguite CartLab



scegliete la voce Catasto del menù.



Si apre una finestra con due cartelle, scegliete quella a destra Cassini Soldner - Gauss Boaga.
Nel menù a discesa selezionate il punto di origine (Es. Siena T.del Mangia)
Nei campi relativi a Cassini Soldner inseite le coordinate del primo "crocicchio" che avete impostato sulla mappa, inserendo nel campo X la coordinata Nord, ed nel campo Y la coordinata Est nello stesso formato riportato sula mappa (Es. X = 75800 Y = -49700 Attenzione al segno - meno).



Premere il pulsante Esegui e nei campi relativi a Gauss Boaga appariranno le coordinate che dovrete inserire in OkMap.

Vediamo adesso come referenziare la mappa Catastale.

Dopo averla caricata si passa al setup della mappa.
Date il mome e l'eventuale descrizione, e passare a settare la proiezione ed il datum che troverete fra quelli predefiniti. Nel caso della mappa proposta, impostate Italy Rome 1940 Zone 1 (West).



Confermate e passare al setup della griglia.

Nel setup della griglia premete il bottone "copia da mappa" e settate gli intervalli Nord e Est a 100m.



Adesso calibriamo la mappa:

Ponete i crocicchi sugli incroci che avete ottenuto traccindo le righe con Paint e dei quali avete già fatto la conversione da coordinate Casini-Soldner a Gauss-Boaga.

Ulitizzate la sezione Alt per inserire le coordinate convertite, confermate, e se i dati immessi sono corretti la mappa sarà calibrata.



E' da tenere presente che a causa degli errori dovuti al disegno, alla scannerizzazione, alla conversione delle coordinate, la precisione del GPS ecc.. all'atto pratico la posizione della mappa potrebbe risultare spostata di qualche metro rispetto al territorio.

E' possibile avere maggior precisione prendendo come riferimento dei punti di cui conosciamo l'esatta posizione reperigili su http://www.fiduciali.it/google/default.htm oppure http://www.igmi.org/geodetica/

L'errore, se pur alto, con un po di esperienza e osservando bene i riferimenti presenti sul territorio, viene drasticamente ridimenzionato. Solitamente le varie particelle sono delimitatem da elementi quali fosse, strade, corsi d'acqua ecc.. che ci vengono in aiuto per individuare con discreta precisione la posizione della particella. Nelle zone boschive, si possono trovare dei riferimenti inseriti appositamente, come cippi di confine comunale, croci su pietre ecc.. che vengono riportati anche nelle mappe.

A Pagina 3 trovate un'altro esempio. Georeferenziazione di una mappa catastale avente come punto origine uno degli 800 sistemi di catastalo locale.

Simboli pèresenti sulle mappe


Cippo di Confine



Il segno indica la direzione del confine

Croce su Pietra



Il segno indica un confine, oppure l'incrocio di confini di più particelle.

A Pagina 3 trovate un'altro esempio. Georeferenziazione di una mappa catastale avente come punto origine uno degli 800 sistemi di catastalo locale.

Approfondimenti
http://labtopo.ing.unipg.it/
http://www.globogis.it/sites/default/files/rassegna_stampa/GEOMEDIA_01-03-04.pdf
15   L A T E S T    R E P L I E S    (Newest First)
tatiana Posted - 28/02/2020 : 09:38:28
Si capisco, in effetti sembrano temi inesplorati :-)
Buona giornata a te e grazie

tatiana
Basilischio Posted - 27/02/2020 : 15:02:24
Tatina non so che mappa sia per avere un confine così lungo.
Nella mia zona, Toscana, le mappe dei fogli catastali hanno al massimo 2 km di lato e spesso anche 1 km.

Tutto il mio tutorial non ha la presunzione di sostituire gli strumenti professionali e si porta dietro tutti quegli errori che non possono essere superati con gli strumenti a disposizione. In più ci si mettono i GPS amatoriali che hanno una precisione che "lascia il tempo che trova".

All'inizio pensavo che tutto fosse possibile ed invece approfondendo mi sono reso conto che era tutto impossibile ma che però bastava alle mie esigenze di semplice proprietario di diversi appezzamenti di terreno dei quali non conoscevo la posizione e confini.
Con tanta pazienza sono riuscito a rintracciarli tutti, con buona approssimazione per i confini, aiutandomi con quegli elementi naturali o artificiali che erano presenti sul territorio.

Anzi diversi paesani coetanei mi hanno chiesto di aiutarli a trovare le loro proprietà. Non ti dico i "casini" e le sorprese che sono saltate fuori in un territorio abbandonato dal dopoguerra.



tatiana Posted - 27/02/2020 : 09:07:39
Grazie Basilischio :-)

tatiana
tatiana Posted - 27/02/2020 : 09:06:18
Grazie, il tuo intervento è molto gradito e illuminante.
Purtroppo non posso pubblicare le tavole, ma la mia grande perplessità risiede proprio nel fatto che, appunto, sembra che google sappia catturare la mappa e farla quasi coincidere (forzandola). Il confronto sull'ortofoto invece è come se rivelasse le grandi imprecisioni di una carta disegnata nel 1930, cioè con grandi approssimazioni nelle grandi distanze. Eppure a questo punto mi sembra forzoso usare questa via, se devo ritracciarmi un confine.
Ps : sto parlando di confini di 5/ 6 km per parte e nella mappa non ho altro riferimento noto se non una strada. Grazie della compagnia :-)

tatiana
Basilischio Posted - 26/02/2020 : 19:45:03
Da perfetto ignorante in materia, posso solo dirti che non si può pretendere la precisione assoluta per svariati motivi di cui di ha già detto OkMap.

Io utilizzo Google Earth per vedere se la mappa "cade" nel posto giusto perchè, a volte, basta un piccolo errore nelle coordinate che "ti trovi la mappa in mezzo all'oceano".

Una volta mi è anche capitato un grossolano errore su una vecchia mappa catastale proprio su una coordinata segnata a bordo mappa, che mi allungava la mappa e l'ho scoperto appunto sovrapponendola a Google.

Addirittura sulla cartografia catastale della toscana i bordi dei vari fogli, soprattutto quelli confinanti con altri comuni, mal si allineano o cambaciano, e quando vai a referenziare ti porti dietro l'errore. Magari è quesione di pochi metri, ma l'errore c'è e su un foglio catastale hanno il suo valore.

In più occasioni ho avuto modo di testare le mie mappe catastali e con soddisfazione sono riuscito a trovare sul territorio, con buona precisione, i segni di confine riportati sulla mappa.
okmap Posted - 26/02/2020 : 17:35:23
Tatiana, scusa se mi intrometto nella conversazione ma l'ingegnere del team ha ragione e ti spiego anche il perché. La (praticamente) totalità delle mappe che utilizziamo qui in Italia sono proiettate in Transverse Mercator o Cassini-Soldner (nel caso del catasto). Naturalmente mi riferisco a mappe che coprono zone limitate e non alle mappe politiche o fisiche dell'intera Italia o territori ancora più grandi (che possono utilizzare altre proiezioni più adatte alle circostanze).
Queste mappe inoltre utilizzano tutti datum basati su ellissoidi (WGS84, ED50, Rome1940).
Google Earth invece utilizza una proiezione detta "Popular Visualisation CRS" basata sulla proiezione Mercator applicata ad uno sferoide.
Per questo difficilmente riuscirai a sovrapporre perfettamente una mappa "tradizionale" sulla mappa di GE (a meno che la mappa non copra un territorio poco esteso).
tatiana Posted - 26/02/2020 : 16:25:18
Ciao Basilischio , oggi ti scrivo perché ti devo fare una grande domanda! Ho fatto una georeferenziazione di una mappa antica con google earth e all'apparenza calzava perfettamente. Poi ho preso un ortofoto e l'ho sovrapposta alla mia mappa, impossibile niente tornava ....Allora la mia domanda è questa : l'ingegnere del team del software con cui ho lavorato, giustamente si è messo a ridere, spiegandomi che lavorare con google earth è molto approssimativo,per questo ho pensato di usare una ortofoto. Ma allora perchè tutti si affannano a fare georeferenziazioni con google earth??? Scusa ma tecnicamente sono due operazioni molto diverse di cui la prima quindi è del tutto inattendibile. Giusto ?

tatiana
tatiana Posted - 18/02/2020 : 14:46:30
Grazie Basilischio :-)
si, coincidono alle mieTi ringrazio per la disponibilità esagerata e ti informo di come va a finire
ciao e buon pomeriggio

tatiana
Basilischio Posted - 18/02/2020 : 10:49:40
premesso che CartLab non mi funziona su W10, l'avevo sempre usato su XP, ho cercato il modo di convertire le coordinate utilizzando strumenti reperibili sul Web.

Per prima cosa occorre sapere il centro di emanazione delle coordinate da convertire che si trova qui
https://www.globogis.it/le-origini-delle-coordinate-cassini-soldner

Dall'immagine di riferimento in altro a Dx si rileva che la Sardegna ha come centro di emanazione in numero 23 quindi rilevo le coordinate.

Cerco un programma di conversione on-line, ricordavo "borneo" che trovo qui
https://www.borneo.name/topo/topo.html

seleziono la conversione da Roma40 a Gauss
inserico le coordinate scegliendo come fuso Ovest (sperando sia quello giusto)
Annoto i dati in uscita

Seleziono la conversione da Cassini a Gauss
Inserisco le coordinate annotate nel centro di emanazione
inserisco le coordinate del punto A della tua mappa X 68400 Y 52200

come risultato mi ritrovo
N 4503920.2
E 1820366.66

arrivato a questo punto l'unica cosa da fare è convertire i restanti punti referenziare la mappa e vedere se si posiziona al punto giusto.

tatiana Posted - 18/02/2020 : 09:09:23
Ciao Basil, scusami credevo di averti risposto, che rimba, allora dal punto in alto a sinistra in senso orario:A) x 68400,y 52200;B) x68400,y54600; C)x 64800,y 54600;D) x 54800,y 52200.
se puoi e vuoi :-)
GRAZIEEE!!!


tatiana
Basilischio Posted - 17/02/2020 : 18:36:50
Non so che dire....
scrivimi le coordinate da cponvertire; quelle non danno problemi
tatiana Posted - 17/02/2020 : 11:44:42
Ciao Basilischio, buongiorno. No c'è un problema che non capisco , ho usato 3 browser differenti e sembra che il sito rifiuti la connessione. il file è leggero, non ho spiegazioni Grazie

tatiana
Basilischio Posted - 17/02/2020 : 08:26:05
Fai attenzione; alcuni broeser ostacolano il buon funzionamento del forum. Non mi ricordo quale mi impediva di caricare immagini
tatiana Posted - 16/02/2020 : 20:29:35
Ciao Basilischio, credo che sia un problema (assurdo) di connessione.Provo domani dall'ufficio ;-) grazie ancora e buona serata!

tatiana
Basilischio Posted - 16/02/2020 : 17:43:55
Tatiana inseriscilo nel post come allegato; accetta fino a 500 kb

Oppure mettimi solo le coordinate da trasformare e vedo se anche a me da errore.


OkMap forum © 2018 OkMap Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.07